scalp scrub
credit: stock.adobe.com/globalmoments

Avete mai sentito parlare dello scalp scrub? Si tratta di un nuovo trattamento per la bellezza dei capelli che sta riscuotendo molto successo, e che potrebbe magari fare anche al caso vostro. Sottovalutato per tanto tempo, sconosciuto a molte donne, lo scrub al cuoio capelluto sembra insomma essere pronto a vivere una fase di nuova dignità che potrebbe portare in dote numerosi benefici.

Lo scrub anche in testa!

Ben conosciuto sulla pelle del viso e in altre parti del corpo, lo scalp scrub nasce da un concetto molto semplice da condividere: se la pelle ha bisogno di rinnovarsi almeno una volta alla settimana, perché la stessa regola non potrebbe valere anche per il cuoio capelluto? Ebbene, a tale domanda non banale è possibile fornire una risposta certamente affermativa. È d’altronde vero, come sinteticamente riportato nel nostro quesito di qualche riga fa, che anche il cuoio capelluto può soffrire per la presenza di cellule morte che limitano l’ossigenazione dei bulbi piliferi, andando a danneggiare la crescita della chioma.

Per chi è consigliato lo scrub per capelli

Lo scalp scrub è consigliato non solamente per quelle persone che hanno i capelli grassi per eccesso di sebo, dermatite o forfora, quanto anche per tutte le persone che non hanno problemi particolari e che desiderano comunque riservarsi una buona chance per poter rafforzare la bellezza e la salute dei capelli. Sia sufficiente pensare all’effetto dello smog, dell’inquinamento e delle polveri sottili, che quando si depositano sui capelli e sul cuoio capelluto danno seguito a una cappa di opacità e di sporcizia che può pregiudicare la buona crescita della chioma, inducendo a ricorrere all’esfoliazione prima che gli effetti siano troppo nocivi.

Insomma, sia che abbiate o meno i capelli grassi, ricchi o meno di forfora, fare lo scalp scrub potrebbe essere una buona idea! Ma come avviene?

Come fare lo scalp scrub

Lo scalp scrub è un trattamento detox che vi permetterà di diminuire la produzione di sebo in eccesso, conducendo i capelli a non essere più grassi e spenti come invece potrebbe accadere in caso di inosservanza di qualche semplice regola di buona salute.

Con lo scalp scrub potrete riequilibrare l’epidermide (un toccasana se utilizzate frequentemente prodotti per l’hairstyle, o subite spesso irritazioni o forfora) e potrete dunque ridare alla vostra chioma più opaca e stressata una nuova vita.

scalp scrub
credit: stock.adobe.com/globalmoments

Per quanto riguarda le modalità di effettuazione dello scalp scrub, potrete servirvi di prodotti delicati, specifici e efficaci, che potete trovare nei negozi specializzati. In alternativa, potete provare le ricette casalinghe, il cui menu non farete certamente fatica a trovare sul web (ma fate attenzione a non mettervi in testa dei prodotti che potrebbero addirittura peggiorare la situazione!). Se volete una ricetta di rapido utilizzo, prendete un balsamo di qualità e aggiungete due cucchiai di zucchero di canna alla stessa quantità di balsamo, e qualche goccia di tea tree oil: riuscirete così a ottenere una sostanza che va applicata sui capelli bagnati e deve essere massaggiata per almeno 15 minuti con delicati movimenti circolari.

Se desiderate invece uno scrub più forte, potete scegliere di sostituire lo zucchero con il sale o con il bicarbonato: il bicarbonato ha un effetto lenitivo ed emolliente, mentre il sale sui capelli asciutti potrà permettervi di curare la pelle secca e rimuovere le cellule morte. Naturalmente, fate attenzione ad utilizzare il sale con parsimonia, poiché sulla cute delicata o con quantità eccessive potrebbe produrre qualche irritazione.