Colpi di sole
credit: stock.adobe.com/AboutLife

Le tonalità dei colpi di sole variano in una moltitudine di colori e sfumature. I colpi di sole sono quel trattamento che ti permette di realizzare delle meravigliose sfumature di colore senza dover per forza farsi schiavizzare dalla tintura vera e propria, con tutte le conseguenze (spesso un po’ seccanti e continue) in termini di “manutenzione”.

Di recente, tra colpi di sole e tecniche simili, quali il balayage, lo shatush, l’ ombre (o ombrè) hair, c’è una confusione di terminologia all’interno della quale risulta complicato districarsi e comprendere perfettamente di cosa consta una tecnica piuttosto che un’altra, quali effetti di luce o di colorazione dona alla tua capigliatura e perché a te può star bene una piuttosto che un’altra. Bene, facciamo un po’ di chiarezza, partiamo proprio dai colpi di sole. Quali effetti donano ai tuoi capelli, possono essere adatti a te? Meglio sui capelli lunghi o corti?

In cosa consistono e perché è utile farli?

I colpi di sole consistono in una metodica di colorazione NON TOTALE dei capelli, e cioè nello schiarire qualche ciocca con un sistema di decolorazione, nello specifico un preparato costituito da un decolorante e dell’acqua ossigenata (scientificamente: perossido di idrogeno).

Quindi NON è una vera e propria tecnica di colorazione, cioè di tintura, quanto più propriamente una tecnica di decolorazione, parziale, solo su una parte della capigliatura, quindi molto più resistente al tempo ed agli shampoo.

A chi donano e a chi no

I colpi di sole sono un vero toccasana per chi desidera aggiungere volume e movimento alla propria acconciatura generandovi dei punti di luce e dei bei riflessi dall’aspetto cangiante come se fossero stati creati dalla naturale scoloritura dovuta all’esposizione ai raggi del sole. I colpi di sole permettono di aggiungere “dimensione” al volto e di avere un look più moderno ed attraente.

Moderata e non troppo vistosa, la metodica dei colpi di sole è quella per la quale il negativo effetto della ricrescita è meno visibile che in altri, oltretutto è anche quella che, grazie alla schiaritura da decolorazione di alcune ciocche di capelli, meglio di qualsiasi altra riesce quasi alla perfezione a mascherare i capelli bianchi.

I colpi di sole sono anche molto adatti a coloro che non hanno mai effettuato una tintura dei propri capelli e voglio ridare un po’ di vita alla propria capigliatura senza essere costrette a farsi fare una tintura, metodica che è un po’ drastica e, per chi non l’ha mai fatta, anche un po’ impegnativa.

I colpi di sole si adattano perfettamente a qualsiasi tipo di capigliatura, chiara o scura, liscia o mossa. Ad esempio ai capelli mossi da ondulazioni essi aggiungeranno un senso di superiore profondità e su quelli lisci o super lisci creeranno l’effetto di un volume piacevolmente più pieno.

I colpi di sole ed i capelli lunghi, medi o corti

Beh, ai capelli medi e lunghi i colpi di sole si adattano sempre benissimo, quindi il nostro parere è: si, sempre e comunque.

Se, invece, avete una capigliatura corta, niente paura: anche voi avete diritto ai vostri bellissimi colpi di sole. Solo cercate di ricordare che in questo caso è meglio che essi siano realizzati sulla parte anteriore della vostra acconciatura, ad esempio, la frangetta o il ciuffo, e mai in modo uniforme su tutta l’estensione della vostra capigliatura. Così facendo otterrete un effetto di aggiunta di luce al viso ed il taglio corto sarà di conseguenza molto meglio valorizzato.

Ancora una dritta? Ok, se state pensando già alle applicazioni successive, e soprattutto se i vostri bei colpi di sole ve li fate in casa, da sole,allora cercate di ricordare che il contrasto tra il colore base e quello che si raggiungerà per il tramite della decolorazione deve essere quanto più naturale possibile, in definitiva non deve apparire come creato artificialmente ma deve ricordare nel modo più realistico possibile l’effetto che una normale esposizione al sole (magari più intensa del solito, come accade in estate) produce su una capigliatura “normale”. Una schiaritura troppo uniforme, quindi non molto naturale, produrrà un effetto molto meno piacevole ed attraente.

Date uno sguardo a questi nuovi stili prima di decidere quale provare per primo.

[elfsight_instagram_feed id=”26″]

I colpi di sole esistono ancora?

Fra le tantissime sfumature che vanno di moda oggi sui capelli, ci si chiede se le mèches e i colpi di sole esistono ancora. Le mèches sono le ciocche grosse e unifomi, mentre i colpi di sole sono piccole ciocche sottili. Fino a 10 anni fa, la ricrescita non era ancora di moda, quindi appena si vedeva il nero della radice si correva ai ripari dal parrucchiere. Oggi fortunatamente non è più così e la moda dello sfumato permette di allungare i tempi tra una seduta e l’altra.

Le mèches oggi si chiamano con nomi diversi e si realizzano con tecniche particolari. Il biondo shock importato dagli USA è anche andato a sostituirsi con tonalità più delicate. Se una volta si partiva la schiaritura scegliendo il tono di biondo, oggi invece si inizia dalla base, per capire come rendere il risultato armonioso ed avere meno stacco alla radice. I colpi di sole sono ancora un tipo di schiaritura di moda e apprezzato da moltissime donne, soprattutto come soluzione anti-capelli bianchi. Il biondo infatti si confonde con i capelli bianchi nascondendoli: con la sfumatura questo non è invece possibile ovviamente. Shatush, balayage e tutte le nuove sfumature schiariscono i capelli in maniera drastica, mentre i colpi di sole danno nuova luce alle chiome in maniera soft.

Come scegliere la tonalità giusta di biondo

Per i colpi di sole, come detto, la cosa ideale è valutare il colore di base di partenza per valutare al meglio la nuance giusta. Il colore perfetto di solito è in linea con la base, per non dare risultati shock che non vogliamo. I colpi di sole, o colpi di luce, servono a dare movimento e dimensione ai capelli grazie a riflessi personalizzati e brillanti. In base al taglio e ai punto da illuminare quindi, la distribuzione del colore sarà leggermente diversa. Ci sono tre elementi da prendere in considerazione prima di fare i colpi di sole ai capelli: il colore dei capelli, il colore degli occhi ed il colorito della pelle. Le nuance di base possono essere castano scuro, castano biondo, biondo scuro, biondo.

Per esempio se il colore di partenza è biondo chiaro, la pelle sarà probabilmente chiara. Se avete gli occhi chiari, verdi o azzurri, i colpi di luce dovrebbero essere molto chiari per risaltare sul resto della chioma. Se la base è più un biondo scuro, gli occhi e la pelle non sono chiarissimi, meglio andare sui biondi caldi. Le sfumature saranno quindi color caramello o miele. Per chi vuole osare, con queste caratteristiche sono perfette anche tinte più tendenti all’arancione. Un classico osato dalle star più anticonformiste. Se la base è castana, si possono ottenere splendidi effetti di luce. Se la carnagione è olivastra, la cosa migliore è scegliere una tinta prossima a quella di base, per un risultato naturale e curato. Se la base castana, castano medio o un castano chiaro, si potrà scegliere una nuance di schiaritura tendente al biondo o al rosso ramato, che darà luce e vitalità al look, ma senza un contrasto troppo forte.

Come fare i colpi di sole a casa

Per i colpi di luce fai da te, basta avere un po’ di pazienza e un minimo di manualità. Queste note di colore si realizzano sui capelli asciutti, meglio se dopo un paio di giorni dal lavaggio. Per fare i colpi di sole a casa, sono necessari una bustina di decolorante, dell’ossigeno in crema a 10, 20, 30 oppure 40 volumi. La gradazione dell’ossigeno dipende dalla tonalità di schiaritura desiderata per le meches. Oltre a queste sostanze dovrete procurarvi un kit colore: una ciotola di plastica e un pennello da tintura. Saranno poi utili una mantellina, dei guanti in gomma, un pettine e carta stagnola, tagliata a rettangoli, per avvolgere le ciocche. Per chiudere in bellezza procuratevi anche un tonalizzante o riflessante, per rendere armonioso il risultato finale.

Indossati guanti e mantellina, mescolate nel kit colore 60 grammi di decolorante, 60 ml di ossigeno in crema. Dividete la chioma in sezioni aiutandovi con un pettine a coda, fermando le ciocche con le pinze o le mollettine. Ogni sezione sarà suddivisa in piccole ciocche. Mettere il lembo di carta stagnola alla base della ciocca da schiarire, tenendola ferma con la mano sinistra. Fare adagiare la ciocca lungo la stagnola appoggiandosi sulla testa, spennellarla con il decolorante, dalle radici alle punte.

Chiudete la stagnola piegandola in due e poi in quattro, facendo attenzione a chiuderla poi anche lateralmente. Potete marcare il punto di piega con il pettine, per facilitare l’operazione. Ripetere l’operazione su tutti i capelli, lasciando in posa poi per 20 minuti. Controllate sempre le prime cartine messe, per assicurarvi un risultato omogeneo. Rimuovete le stagnole, e sciacquate bene i capelli. Fate il riflessante e dopo il tempo di posa, lavate i capelli come d’abitudine.